Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano.

"Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano", cantava il Venditti, e come dargli torto. Certo, s'intendeva di amori meno platonici e più carnali di questo, ma sempre d'amore si tratta. Questo amore, che cos'è. E' come l'amore di quella poesia, "violento, fragile, tenero, disperato". E ancora, "così vero, così bello, così felice,... Continue Reading →

Incipit

Era finita per un milione di motivi, uno più valido dell'altro, ma il più importante era sicuramente questo: alla domanda "sei felice?" non sapevo più cosa rispondermi. Me ne sono andata in una notte di Gennaio, a cuor leggero e senza piangere. Pioveva a dirotto e non avevo l'ombrello. E' buffo come certi dettagli diventano... Continue Reading →

Annotazioni, Preludio pt. 1

Pensavo che sarebbe bello una mattina facciamo anche domani svegliarsi insieme prendere un caffè fare all'amore e tutte quelle cose che ci piacciono tanto, ad esempio: giocare ad inventar costellazioni con i nei sulla mia schiena ridere fino a piangere per le tue facce buffe leggerti ad alta voce le poesie di Hikmet nudi sporcarci... Continue Reading →

Frog Tuscany: tradizione e innovazione Made in Italy

Oggi son qui per parlarvi di due ragazzi, due giovanissimi, che son riusciti a realizzare, unendo la tradizione del Made in Italy a tecniche d'innovazione d'ultima generazione, un progetto meraviglioso a soli 17 anni o giù di lì. Credo davvero possano e debbano essere d’ispirazione per i giovani d’oggi, per me lo son stati di... Continue Reading →

Cose particolarissime sul mio cuore e su di me

Ci sono alcune particolarissime cose di me che nessuno sa e che mai sospetterebbe, che bisogna sapere, cose buffe banali belligeranti e bellissime, e qui abbonda la b, scusate. Dicevo, insomma, cose particolarissime che chiunque voglia avvicinarsi a me o al mio cuore (che poi son la stessa cosa) deve sapere. Cosa numero uno: mi... Continue Reading →

“Prima di andare a dormire, pensa a sette cose impossibili”

"Alice rise: «È inutile che ci provi», disse; «non si può credere a una cosa impossibile.» «Oserei dire che non ti sei allenata molto», ribatté la Regina. «Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz'ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione.» Contale Alice!.." Cap. V, Alice Attraverso... Continue Reading →

Addii e fili rossi.

Da bambina mi hanno detto che certe persone sono legate da un filo rosso invisibile che può estendersi anche per chilometri, e si allunga e si restringe a seconda della distanza. Io non ci credevo neanche un po', nessun filo era così lungo, nemmeno i gomitoli giganti che usava la nonna per l'uncinetto. E poi,... Continue Reading →

Storie di amori e tagliatelle

Il profumo di albicocche e pasta frolla invade la cucina. La crostata è a raffreddare sul davanzale. Sul davanzale, si, come nei cartoni animati che guardavo da bambina o in qualche vecchio film americano degli anni ottanta. Sono alla casa al mare per un paio di giorni, dai nonni. Qui il tempo si è fermato,... Continue Reading →

L’Irlanda a due passi da casa

Luci soffuse, risate in sottofondo, musica dal vivo, profumo delizioso di carne, pizza e un vago aroma di birra. Un pianoforte messo lì, al centro della sala, in mezzo a sgabelli e tavoli di legno. L'arredamento tipico dei pub irlandesi, legno intarsiato dal colore caldo, arpe un po' dappertutto, poster d'altri tempi alle pareti. Il... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: