Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano.

"Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano", cantava il Venditti, e come dargli torto. Certo, s'intendeva di amori meno platonici e più carnali di questo, ma sempre d'amore si tratta. Questo amore, che cos'è. E' come l'amore di quella poesia, "violento, fragile, tenero, disperato". E ancora, "così vero, così bello, così felice,... Continue Reading →

Diecimila volte grazie.

“a Coffee on 34th Street”: un caffè sulla trentaquattresima strada come quella del miracolo a Natale, un luogo d’incontro per anime affini, quel posto magico, un po’ binario, un po’ armadio, in cui fermarsi e respirare, vivere, innamorarsi (il tempo di un caffè).

Sono le cinque e trentadue del mattino e il sole si sta levando timidamente all'orizzonte, adesso affiora appena. Vado a prendere un maglione, è ancora fresco qui. Sono in cucina, metto su il caffè e aspetto rannicchiata sulla sedia di fianco alla finestra, quella da dove si vede il mare. Quiete interrotta soltanto dal borbottio della macchinetta del... Continue Reading →

Ti auguro, un lunedì.

Ti auguro quel timido raggio di sole che bussa alla finestra di primo mattino. Il profumo di caffè che invade la stanza, una brioches e un post-it del buongiorno. Ti auguro di avere tempo: per notare un fiore, quella nuvola a forma di gatto, gli occhi belli di uno sconosciuto. La calma necessaria per apprezzare la... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: