Storie di amori e tagliatelle

Il profumo di albicocche e pasta frolla invade la cucina. La crostata è a raffreddare sul davanzale. Sul davanzale, si, come nei cartoni animati che guardavo da bambina o in qualche vecchio film americano degli anni ottanta. Sono alla casa al mare per un paio di giorni, dai nonni. Qui il tempo si è fermato,... Continue Reading →

Sono le cinque e trentadue del mattino e il sole si sta levando timidamente all'orizzonte, adesso affiora appena. Vado a prendere un maglione, è ancora fresco qui. Sono in cucina, metto su il caffè e aspetto rannicchiata sulla sedia di fianco alla finestra, quella da dove si vede il mare. Quiete interrotta soltanto dal borbottio della macchinetta del... Continue Reading →

May, 14.

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso sei un granello di colpa anche agli occhi di Dio malgrado le tue sante guerre per l'emancipazione. Spaccarono la tua bellezza e rimane uno scheletro d'amore che però grida ancora vendetta e soltanto tu riesci ancora a piangere, poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli, poi ti... Continue Reading →

Alla fine non sono caduta.

Cinque amici, pochi bagagli, musica a palla, la strada davanti. Canzoni stonate, l’odore del sale, “ma siamo arrivati?”, “guarda sulla cartina”, “io devo fare pipì!” Che poi le storie migliori iniziano tutte più o meno così. Dicevo, cinque amici e una casa al mare, le buste sul marciapiede, la brace accesa a metà che mannaggia... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: