Words & other drugs

Annotazioni, Preludio pt. 1

Pensavo che sarebbe bello una mattina facciamo anche domani svegliarsi insieme prendere un caffè fare all'amore e tutte quelle cose che ci piacciono tanto, ad esempio: giocare ad inventar costellazioni con i nei sulla mia schiena ridere fino a piangere per le tue facce buffe leggerti ad alta voce le poesie di Hikmet nudi sporcarci... Continue Reading →

Voglio portarti dove finisce il mare

Voglio portarti dove finisce il mare. Partire stanotte senza far ritorno. "Dove la porto, signorina?" mi chiedevi, ed io pensavo a mille luoghi tranne che alle stelle.  Pensavo alla terra, alla sabbia calda, ad ogni angolo nascosto nei vicoli di Napoli ed ai sedili posteriori di una vecchia 127 Sport tutta scassata. Penso a tutte... Continue Reading →

Viandante

"Cammina a piedi nudi. Danza nuda sotto la luna. Gioca con la terra. Segui il tuo intuito, lascia che il fuoco della vita trasformi tutto attraverso di te non solo intorno a te. Senti l'amore profondamente, lascia che il vento ti scompigli i capelli ed i pensieri che il sole sfiori la tua pelle nuda.... Continue Reading →

Frog Tuscany: tradizione e innovazione Made in Italy

Oggi son qui per parlarvi di due ragazzi, due giovanissimi, che son riusciti a realizzare, unendo la tradizione del Made in Italy a tecniche d'innovazione d'ultima generazione, un progetto meraviglioso a soli 17 anni o giù di lì. Credo davvero possano e debbano essere d’ispirazione per i giovani d’oggi, per me lo son stati di... Continue Reading →

Hotel California – Storia di una Paranoia

    "Papercut è spaccato a metà fra un passato che gli si è attaccato addosso come una piaga e un futuro che non sembra brillare. Sarà California, strampalata ragazza dall'inconscio serrato, a spianargli la strada per una vita qualunque, banale, noiosa, eppure sicura e serena. Voleva chiamare aiuto, ma allo stesso tempo temeva che... Continue Reading →

Cose particolarissime sul mio cuore e su di me

Ci sono alcune particolarissime cose di me che nessuno sa e che mai sospetterebbe, che bisogna sapere, cose buffe banali belligeranti e bellissime, e qui abbonda la b, scusate. Dicevo, insomma, cose particolarissime che chiunque voglia avvicinarsi a me o al mio cuore (che poi son la stessa cosa) deve sapere. Cosa numero uno: mi... Continue Reading →

Autumn, #todolist

Autunno: fiamma brillante prima del torpore invernale; raccolta; arancio, oro, ambra; notti fresche e l’odore del fuoco. Le nostre strade alberate sono infuocate, le nostre cucine sono colme dell’odore della nostalgia: mele che ribollono nella salsa, zucca tostata, cannella, noce moscata, sidro, il calore stesso. Le foglie che scintillano con colori selvaggi appena prima di... Continue Reading →

“Prima di andare a dormire, pensa a sette cose impossibili”

"Alice rise: «È inutile che ci provi», disse; «non si può credere a una cosa impossibile.» «Oserei dire che non ti sei allenata molto», ribatté la Regina. «Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz'ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione.» Contale Alice!.." Cap. V, Alice Attraverso... Continue Reading →

Addii e fili rossi.

Da bambina mi hanno detto che certe persone sono legate da un filo rosso invisibile che può estendersi anche per chilometri, e si allunga e si restringe a seconda della distanza. Io non ci credevo neanche un po', nessun filo era così lungo, nemmeno i gomitoli giganti che usava la nonna per l'uncinetto. E poi,... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: